GLI EBREI

Notizie prese da  "L' Uomo e il tempo" profilo 1, dalla "Nuova storia 1" e della "Prima enciclopedia illustrata".

                                           menorah  La cronologia.

La civiltà Ebraica nacque intorno al 2000 a.C. subì la dominazione dei Romani nel 63 a.C e decadde nel 70 d.C.

                                           

  IL TERRITORIO

Gli Ebrei erano un piccolo popolo di pastori nomadi, probabilmente originari della Mesopotamia. Intorno al 2000 a.C., si stabilirono nell’attuale Palestina. Qui gli Ebrei si divisero in dodici tribù, ognuna governata da un giudice, incaricato di far osservare la legge e la religione. 

Più tardi (1800 a.C.), spinti e incalzati da altri popoli, essi emigrarono verso l’Egitto  e si fermarono nel delta del Nilo per diversi secoli. Inizialmente furono accolti con favore dagli Egizi e ricevettero terre da coltivare, ma in seguito finirono per essere trattati come veri e propri schiavi. Solo verso il 1250 a.C. un grande condottiero ebreo, Mosè, probabilmente allevato presso la corte del faraone, liberò il suo popoìo, al quale diede una nuova legge: i dieci comandamenti, ispirati direttamente da Dio  e scolpiti su tavole di pietra (le Tavole della Legge). Mosè voleva ricondurre gli Ebrei in Palestina, ma vi riuscì soltanto il suo successore Giosuè, nel 1200 a.C. circa .

  L'abitazione

Le abitazioni degli Ebrei erano vere e proprie capanne di legno.

Avevano anche dei templi che avevano 4 stanze: l'atrio, il corpo centrale, il santuario e il portico. Erano arricchiti di torri, cupole e loggiati bellissimi.

                  La Religione.

Gli Ebrei furono  il primo popolo monoteista, cioè a credere ad un solo DIO (Jahwéh)

La loro religione si basava sulla BIBBIA.

Secondo la religione ebraica, Dio ha creato gli uomini a sua somiglianza e li ha resi responsabili delle proprie azioni verso di lui e verso gli altri uomini. Perciò gli uomini vengono giudicati da Dio per la bontà e l’onestà delle loro azioni. Fra il popolo ebraico e il suo Dio esisteva un patto: il popolo avrebbe ubbidito ai comandamenti di Dio ed egli, come un padre, avrebbe dato loro quanto necessario per una vita prospera e felice. Da questo patto nasce l’idea della "Terra promessa", concessa da Dio al suo popolo, il quale, seguendo i dieci comandamenti dati da Dio stesso a Mosè, avrebbe rispettato e rinnovato il patto.

L' alimentazione 

Gli Ebrei erano pastori e agricoltori: coltivavano cereali e mangiavano il pane, minestre, carne,  latte e  formaggio.

I mezzi di trasporto

ebrei prigionieri

 

 

 

Gli Ebrei come mezzi di trasporto avevano dei carri trainati dai cavalli.

 

L' organizzazione sociale

 Gli Ebrei erano divisi in tribù, cioè in gruppi tenuti insieme da legami di parentela. Ciascuna tribù obbediva a un patriarca, un capo anziano. 

Nella Palestina, che gli Ebrei chiamavano Israele e che consideravano la terra promessa loro da Dio, si erano stabilite anche altre popolazioni. Per molti secoli, quindi, le tribù di Israele furono costrette a combattere contro di esse. 

Gli Ebrei furono guidati da grandi condottieri, che divennero i primi re di Israele: Saul, Davide e Salomone. Questi ultimi due riunirono le tribù di Israele in un unico Stato, uno Stato forte, potente e ricco. 

Il re Salomone divenne famoso per la sua saggezza e giustizia. Egli fece costruire nella nuova capitale, Gerusalemme, una grande reggia e uno splendido tempio. tempio di Salomone

Alla morte di Salomone, nessun capo riuscì a imporsi e le tribù si divisero, creando due regni: quello di Israele a nord, con capitale Samaria, e quello di Giuda a sud, con capitale Gerusalemme. Tale divisione segnò l’inizio di un lungo periodo di decadenza. 

Il regno di Israele non venne più ricostituito e il popolo ebraico subì varie dominazioni.

Infine nel 63 a.C. i Romani ordinarono la distruzione del tempio di Gerusalemme e  trasformarono il territorio di Israele in provincia romana. Gli ebrei  si dispersero in numerosissime comunità in tutta l’Europa e poi in tutto il mondo.

Abbigliamento 

Gli Ebrei indossavano delle tuniche e ai piedi calzavano dei sandali.