LO SPETTACOLO DI FINE ANNO SCOLASTICO SI INTITOLA

DANZANDO E CANTANDO NELLA STORIA

Abbiamo messo in scena alcuni aspetti della vita di oggi  confrontandoli con quelli del tempo dei nonni. Lo spettacolo è stato il risultato del lavoro di Storia che abbiamo svolto durante l'anno scolastico,  insieme ai nostri amici della Scuola Primaria di Piticchio, una frazione di Arcevia. Sul palcoscenico eravamo 65 bambini!

(Linda ed Edoardo presentano lo spettacolo)

SCENA DELL’OGGI (Come sfondo un salone)

QUATTRO BAMBINI:

1-     Maria Rosa  (CON IL CELLULARE)-  33812 Pronto? Ciao Giulia! Sono Maria Rosa!

2-     Giulia-Ciao Maria Rosa, come stai?

1        Maria Rosa -  Bene

3-    Dima (CON IL VIDEOGIOCHI) Dai corri, prendi la strada senza curve e vai!!! Evviva! Sono arrivato primo! Ho vinto! Ho vinto!

4-     Dino (CON IL walk man)  (Canticchia e balla) na-na- na---Che musica ganza! E’ una bomba! Devo far sentire questo CD al mio amico  Marco e poi se gli piace glielo masterizzo con il computer nuovo di papà.

SCENA DEL LAVARE OGGI (In scena uno scatolone a forma di lavatrice)

1° Mamma  (Malsira)– Mamma mia quante faccende ho da fare! Sono stanca!  Oggi ho lavorato 8 ore in fabbrica . Non mi reggo più in piedi e….guardate qua i panni che ho da lavare! Tutti i santi giorni quintali di panni! Uffa!!!! Non ne posso più!!!!!

2° Mamma (Arianna)– Ancora questi maledetti panni! Che barba! E lava e stira…e stira e lava ……Io divento matta!!!  Dopo il lavoro in ufficio, torno a casa e  comincio a lavare, a stirare, a preparare la cena! Che vita da cani!! Basta!

3° Mamma (Linda)– Io mi chiedo se è possibile sopportare questa vita! Tutto il giorno a pulire: ho dato l’aspirapolvere, la lucidatrice, ho passato anche la cera ai pavimenti!  Ho lucidato l’argenteria! I miei due figli non mi aiutano a fare nulla! Sanno soltanto sporcarsi, farsi le docce, cambiarsi tre volte al giorno! Ed ecco il risultato: montagne di panni da lavare!   Ecco ora accendo la lavatrice;  metto il programma, giro la manopola e io laaaavo!  (RUMORI DELLA LAVATRICE : PITICCHIO)

BALLETTO DELLA LAVATRICE: (PITICCHIO)

 

1° Nonno (Federico) -  Sarà perché so’ vecchio, ma io ‘ste donne moderne NON LE CA-PI-SCIO! Me dite comare mia, se vo’ ‘l sapete,  de che se sta’ sempre tutte a lamenta’?  A me me pare che oggi fa’ tutte ‘na vita beata! Non ve pare anche a vo’?

1° Nonna (Rebecca)- Eh, compare mia! A me  l’ venite a di’? Io  iel’ dico sempre a mi’ nora che se lamenta del brodo grasso!! Ve ricordate ai tempi nostri quanto toccava fatigà! E po’ queste  d’oggi sta ‘sempre a puli’, a sfregà, a lucidà…. ‘N po’ c’ha tutte le comodità.. scinnò  se dovea gì a pia’ l’acqua giù la fonte, n’ el facea de sicuro! Ve l’ dico io!

2° Nonno (Michele) –E’ proprio vero! Oggi ‘ste donne  apre ‘l rubinetto e sgappa l’acqua, addirittura calda! E quanta se ne sprega! Io non posso vede!!!!  Queste oggi, sta’ sempre a sciacquà, a  risciacquà….sprega le quintalate d’acqua solo pe’ la doccia o pe’ lavasse la faccia!

3° Nonno (Pier Niccolò) –Proprio  cuscì! Se sprega l’acqua e se sta sempre a pulì. Dentro casa c’è un piangilo cuscì pulido che ce se porria magnà i spaghetti!

C’è  troppa pulizia!

BALLETTO DEGLI SPAZZOLONI

 

 

1° Nonno (Gianluca.)-A parte che nojaltri  n’ c’avevamo tutte ‘ste esigenze! Dentro casa c’era solo ‘na vetrina, ‘ na mattra, un taolino co’le sedie mezze sfonde, il camino col’ callaro pe’ fa’ da magna’ lo sciacquarolo pe’ lava’ ‘n piatto….e l’acqua non se sprecava de sicuro! Se se finia l’acqua ‘ntell’orcio  a ‘ste donne je toccava armasse de coraggio e  alla svelta, dovea fa’ ‘n altro viaggio là la fonte!

Oggi tutti i giorni se lava i mucchi de’ pagni.. Anzi noialtri, al tempo nostro!

Nipote (Baki) - Perché nonna, com’era al tempo vostro? Non ci si cambiava il vestito tutti i giorni?

1° Nonna  (Federica M.)- Eh cocco de nonna! E chi se cambiava mai! E que te cambiai? Que te mettei? C’avevamo solo quei due stracci! I pagni se lavaa de rado! Che fadiga quando dovevamo lavà i pagni?

Nipotino (Pajtim) – Perché nonna, non c’era la lavatrice?

1°Nonna  (Federica M.) – La lavatrice? Cocco mia, que dighi! Toccava gì a lava’ i pagni giù la fonte o giù ‘l fiume. D’estate mbè via via, ma d’inverno! Con quell’acqua  gelada, brinada!  Le mano te diventaa  rosce  che facea sangue! I diti te facea  cuscì male da piagne pe’ ‘l dolore!!

Po’ io faceo proprio quel mestiere! La lavandaia! Che lavoraccio! Raccojeo  i pagni sporchi dei signori del paese, li lavao e jeli riportao pulidi e profumadi!

2°Nonna  (Rebecca) – E quando facevamo la boccata? Ve ricordade? Mettevamo  i panni bell’insaponati ‘nte la secchia. Li coprivamo con un panno  con sopra la cennere e po’ ce buttavamo l’acqua bollita! Con la ranna ce lavavamo quelli colorati. Come venia puliti quei panni e come profumava! Me ricordo che con quell’acqua lì me ce lavao anche i capelli e come facea bene! Mejo dei sciampi de oggi!!

Nipotino (Pajtim) – Nonna, ma invece de statte sempre a lamenta’ perché non ci racconti una volta per sempre la storia di questo vecchio mestiere?

SULLO SFONDO IMMAGINI DELLE LAVANDAIE…  

BALLETTI DELLE LAVANDAIE: BALLO MEDIOEVALE-

BALLO RINASCIMENTALE

BALLO COUNTRY

DAI PALCHI PARTONO 6 BAMBINE CON IN MANO I PANNI DA LAVARE.

 SI CHIAMANO GRIDANDO:

1° (Federica O.)-  Maria! Gimo a lava’ giù la fonte?

2° (Giulia)- Ecco Rosa! Aspettame che sto  arriva’!

  (Luisa e M. Rosa)-  Un momento che venimo anche noialtri!

4° (Arianna)-  Avete preso il sapo’?

5° (Gessica)- Sci, scì, gimo!

SALGONO SUL  PALCOSCENICO E SI METTONO A LAVARE SUL  BORDO  

1° (Federica O.)- Allora via! Incominciamo a lavare questi benedetti panni! Bagnamoli bene ‘ntel’ acqua!

2° (Giulia) - Ammò  piamo il pezzo de sapo’ e ‘nsaponamo!

  (Luisa)-  Sfregamo be’ co’ sto sapone! Scinnò le macchie n’ va’ via! Guarda chi quant’è zozzi!

2°(Giulia) - Per fortuna che de sapo’ l’altro giorno n’emo fatto tanto! Col la soda, il grasso del maiale e l’ossi della pecora che s’è morta, n’aemo fatto una callara!

4° (Arianna)-  Sbattemo forte e po’ rinsaponamo!

5° (Gessica) - Sfrega, sfrega! Sbatti, sbatti! Sciacqua, sciacqua!

3° (Luisa) - Oh, visto che tanto tocca sfrega’ volemo canta’ ‘na canzone?

6° (M. Rosa) -Cantamo?

1-2-3-4-5-rispondono:- Scì, cantamo!

 

CANZONE DELLE LAVANDAIE E SERENATA DI UNO SPASIMANTE

1°(Federica O.)- Ma io digo: QUANDO L’INVENTERA’ ‘NA MACCHINA PE’ LAVA’ I PANNI?

2°(Giulia) - Forza forza, coraggio che anche pe’ ‘sto mese semo a posto. I pagni è lavadi!

SCENA CALZOLAIO  

Bambino (Davide)- Mamma, mi compri un paio di scarpe nuove? Le voglio come quelle di Thomas: ai lati ci sono i pupetti e le lucette che si accendono quando cammina!

Mamma  (Malsira)– Cosa? Vuoi un altro paio di scarpe? Se non sbaglio te l’ho comprate un paio due settimane fa!

Bambino (Davide) – Cosa importa! Quelle che dici tu sulla punta sono già graffiate! Sono vecchie! Dai, ti supplico,  pietà, clemenza! Me ne compri un altro paio?

1° Nonno  (Cristian) – Ma senti te que me tocca sentì! Ma come se fa a gi’ avanti cuscì! Io proprio nun el capiscio! C’avrai minimo 10 pari de scarpe e anco’ ‘n te basta! Ai tempi mia non ce n’era manco un paro! Se gia scalzi! Capido?!

 2°Nonno  (Marco)- A casa nostra ce n’era solo un paro e  se campaa uguale! Chi s’alzaa prima se le mettea, l’altri fradelli gia via scalsi! Me ricordo che mamma non volea che me metteo quelle pe’ gì alla Messa! Perciò o gio scalzo o co’ i zocchi!

Bambino (Thomas) - Scalzi? Come  scalzi? Ma nonno, cosa dici! Non è possibile!  Non ti pungevano le spine e i sassi?

3° Nonno (Nicolas)- Eh, cocco de nonno! C’aeamo sotto i piedi  i calli erti e duri come le codiche! Eh fijo mia te c’hai tutto e te lamenti! Adè buttade via le scarpe noe! Non le portade più manco dal calzolaio!

Bambino (Thomas)- Non è vero nonno; dal calzolaio si va ancora! Mamma, ieri, ha portato le scarpe sue da Elio, il calzolaio di Arcevia, per mettere i soprattacchi!

3° Nonno (Nicolas) – Eh oggi i calzolai so’  rari  come le mosche bianche! Ai tempi mia ce n’era tre o quattro solo dentro Arcevia!

BALLETTO CALZOLAIO  

ENTRANO I CALZOLAI (SULLO SFONDO, IL  CALZOLAIO)

   ENTRANO 5 BAMBINI E SI METTONO A LAVORARE AL CENTRO DEL  PALCOSCENICO  

1° Bambino (Federico)– Guardade qua ‘ste solette è tutte bughe!  Ce vole il rinforzo! Dai mettemoce al lavoro! Piamo il martello, l’incudine, le bollette e via! Attenti a non  davve il martello n’te i i diti eh?!

2° Bambino (Thomas)– Adesso piamo lo spago e con la pece. lo ‘mpeciamo!  Infilamo l’ago e cucimo ‘ste scarpe che s’è aperte tutte davanti!

3° Bambino (Tommaso) – Je passamo ‘na bella mano de colla e via!

4° Bambino (Giacomo)- Guardate come so’ venute bene.  Ade’ le lucidamo! Spazzola! Lucido! Sputo!  

1° Nonno (Marco) – Eh, ‘na ‘olta i calzolai fadigaa davvero tanto! Ricordo che a me, quel poro Turindo m’avea fatto un paro de scarponi tutti cuciti a mano! E come era robusti!Quanto l’ho portadi! Quando s’apria davanti li rportao a ricucì. Quanto  li teneo acconto! Li lucidao e l’ingrassao co’ l’assogna!

Bambino (Giacomo)- Nonno! Ma avevi solo un paio di scarpe ? Io adesso ho le scarpette da calcio, due paia da ginnastica, gli stivali per quando piove, i doposci per la neve; i sandali e le ciabatte per l’estate. E tu eri scalzo o con un paio solo?  Ma come facevate a vivere così? Ma in che mondo eravate?

Nonno (Marco)- Eh, core mia! Eravamo in un mondo pieno de miseria. De fadiga toccaa fanne tanta! Ma ce volevamo tutti tanto be’. Eravamo tutti amici e ce divertivamo tanto!!

ORGANETTO E PIRULI'

SALTARELLO (TUTTI INSIEME CON PITICCHIO)

 

SCENA DEL TESSITORE

 

Ragazza (Luisa)– Guarda nonno! Oggi mamma mi ha comprato in un negozio questo bel lenzuolo ricamato! L’ha preso con lo sconto e l’ha pagato  soltanto 50 euro!

1°Nonno- (Tommaso) Oh mammoletti mia! Un lenzolo 50 euri? Ma sede diventadi tutti  matti? Per fortuna che l’ha preso co’ lo sconto!

Ragazza (Luisa)  – Oh nonno, ma cosa  vuoi che siano oggi 50 euro!

La mamma ha detto che ogni tanto mi comprerà un lenzuolo. Così quando mi sposerò avrò tante lenzuola di tutti i colori e tutte ricamate! Che meraviglia!

2°Nonno (Lorenzo)- ‘Na olta ‘n c’era i guadrini da spenne!!!! Se volei ‘l  lenzolo, prima dovei semina’ la canapa, po’ la dovei fa’ cresce, po’ la raccojei, po’ la facei asciuttà al sole, po’ la mettei a macera’ giù pel fiume pe’ 15 giorni, po’ la mettei a seccà ntel forno, po’ l’ acciaccai ben bene co’ la gramola, po’ la pettinai, la filai, la tessei. Capido?

3°Nonno (Mattia) - Eh, è proprio vero! ‘Ste donne tutte le sante sere  attorno al foco, c’avea da filà e il telaro era sempre in movimento!

-Chi tesse stasera?- Chiedea la vergara.  E quanno una e quanno ‘n altra, ste donne se mettea a sede al telaro e tessi, tessi, tessi…. con la spola avanti, indietro… a destra, a sinistra…. La tela crescea e  po’ se  volei  l’ lenzolo, dovei cucì le pezze insieme. 

IL BALLO DEL TESSITORE

CANZONE FINALE DA CANTARE  TUTTI INSIEME CON PITICCHIO

ILCANTAMAGGIO  

INFINE ABBIAMO SALUTATO AL SUONO DEL SALTARELLO SUONATO DAL NOSTRO BRAVISSIMO FRANCESCO FRABONI

IL NOSTRO SPETTACOLO HA FATTO DIVERTIRE IL PUBBLICO CHE CI HA APPLAUDITO CALOROSAMENTE.